line line  en  de  fr  it  du  es  da  hr  sl  sr  tr  cn  tw  print version line  
V-Label - Vegi-Label - Vegetarian-Label - V-logo - Vegi-Logo Regolamento Label
line
---> HOME
line

Vivera maisfilet

line

Condizioni per l’etichetta:

  1. Una ditta di catering che espone l’etichetta vegetariana deve proporre regolarmente almeno un menu vegetariano completo, che deve essere cambiato con la stessa frequenza di un menu standard (di solito ogni giorno).
  2. Oltre ai piatti vegetariani già presenti nel menu ordinario (antipasti, contorni, insalate, ecc.), il ristorante deve proporre almeno due piatti (prime portate, non necessariamente menu completi) adatti ai vegetariani.
  3. Il personale di servizio e di cucina deve conoscere la differenza tra un pasto vegetariano, vegano e crudista ed essere quindi in grado di indicare le giuste bevande e pietanze. In ogni caso, non deve mai essere data un’informazione sbagliata (ad esempio indicare come vegetariano un menu che contiene pancetta o pesce). In alternativa, tutte le proposte possono essere divise nelle categorie vegetariane di appartenenza per iscritto (ad esempio nei ristoranti self-service).
    Categorie di vegetariani:
    ovo-lacto-vegetariano:
    con latte e uova
    lacto-vegetariano:
    con latte, senza uova
    ovo-vegetariano:
    con uova, senza latte
    vegano:
    senza alcun prodotto di origine animale
  4. A tutti gli ingredienti dei cibi con l’etichetta “V” sono applicate le stesse severe condizioni dei prodotti del mercato al dettaglio. Il concessionario della licenza darà assistenza per la selezione degli ingredienti.
  5. La ditta accetta l’assaggio casuale e la visita in cucina senza preavviso. Solo in casi eccezionali ci saranno più di due ispezioni non notificate all’anno.

Questo testo è solo un riassunto delle regolamentazioni relative ai prodotti con l’etichetta. La versione integrale della legge (per prodotti e servizi) può essere scaricata da: da: legge-etichetta (PDF).

   
 
line line line 23.10.2014 - 1:01 line